4Ocean, un braccialetto per ripulire gli oceani

4Ocean è l’associazione che, grazie ai proventi derivati dalla vendita di braccialetti realizzati con materiale riciclato, ripulisce gli oceani dai rifiuti.

4Ocean nasce grazie ad Alex e Andrew, due surfisti negativamente impressionati dalla quantità di spazzatura presente negli oceani. Dopo una qualsiasi giornata di surf a Bali, notano come i pescatori locali con le loro barche attraversano la marea di rifiuti, per andare a pesca e dare da vivere alle loro famiglie. Questa visione fa scattare la scintilla che li porta a fondare l’associazione ed imprimere una svolta nella lotta all’inquinamento e al sovrasfruttamento degli oceani.

Il finanziamento avviene da parte di sostenitori da tutto il mondo, attraverso l’acquisto di braccialetti realizzati con vetro e plastica riciclati al 100%. Un braccialetto consente la rimozione di 500 grammi di rifiuti. Nel solo 2017, 4Ocean ha rimosso più di 100 tonnellate di spazzatura dalle acque dei nostri oceani. Tutto parte dalle spiagge, grazie a squadre di collaboratori che raccolgono i rifiuti prima che arrivino in acqua. Inoltre, l’associazione agisce anche in mare aperto, tramite navi ed equipaggi, anche con l’ausilio di sub.

Per il 2018, 4Ocean si è posto l’obbiettivo di rimuovere più di 400 tonnellate di pattume, iniziando collaborazioni con organizzazioni che trattano la conservazione della vita marina.

Tutti possiamo aiutare 4Ocean acquistando i braccialetti che vedete nella foto a destra, al link: www.4ocean.com/products/4ocean-bracelet , ma l’aiuto più grande rimane sempre quello di avere cura del proprio territorio.

www.4ocean.com

 

Alessio Rigoni

Alessio, 34 anni, della provincia di Verona, sposato da 3 anni con Irene, co-autrice di coffeebreaks.it. Coltiva la passione per tutto ciò che ha due ruote, dalla bici alla moto, e per la fotografia.  Ama il cicloturismo ed il mondo ad esso collegato, collaborando con alcune realtà della zona.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *